«

»

Appello al Presidente della Repubblica

repubblica italiana

LETTERA APERTA
AI PRESIDENTI
DELLA REPUBBLICA ON. CARLO AZEGLIO CIAMPI
E

 CONSIGLIO DEI MINISTRI ON. SILVIO BERLUSCONI
 DEI
FAMILIARI DELLE 132 VITTIME DELLE FORZE ORDINE E DEI MAGISTRATI
A CAUSA DEI TERRORISTI

Le 132 vittime delle Forze dell’Ordine e dei Magistrati a causa dei Brigatisti hanno inviato tramite i loro familiari riuniti nell’Associazione Memoria la seguente lettera aperta.

 Lettera aperta  a:

 Sig. Presidente della Repubblica

 Sig. Presidente del Consiglio

 Senatori – Deputati –  Stampa

I familiari di quanti, tra le forze dell’ Ordine e i Magistrati sono stati uccisi dai terroristi sono a dir poco allibiti dal comportamento che viene tenuto nei loro confronti.

Si fa a gara ad andare ai funerali (per farsi vedere o per sincera partecipazione?).

Si è appena seppellito, piangendo e partecipando al dolore di una famiglia, un poliziotto- eroe assassinato mentre faceva il proprio lavoro. Lui come gli altri 123 caduti tra poliziotti e carabinieri e agenti di custodia e finanzieri, più 9 magistrati,  che hanno  contribuito a far sì che l’ Italia continuasse a vivere in libertà e in democrazia.

Danno medaglie d’ oro alla memoria e promozioni postume.

 Si promette da anni (in alcuni casi ancor più di 25 ) che si darà assistenza ai familiari.

 Si sbandierano leggi e decreti legge che niente danno (ovvero = costo zero), se non ai civili.

 Si promette che si renderanno veramente attuate leggi che ormai sono già state pubblicate in Gazzetta da quasi 5 anni .

Si promette che si darà attenzione alle Forze dell’ Ordine e che si troveranno i fondi per risarcire degnamente e non in maniera umiliantemente irrisoria le loro famiglie.

Poi, per regalo dell’ 8 marzo alle quasi 100 vedove, si pubblica sulla G. U. n. 55 del 7.3.2003 la Legge 27.2.2003 n. 33 “ Disposizioni in favore delle vittime del disastro aereo di Linate”

Il Prefetto di Milano è incaricato di distribuire la somma, sentito il parere del Comitato 8 ottobre.

Sono stanziati : 12 milioni e 500 mila euro .

Le vittime sono 118.

Alla Vostra coscienza rimettiamo la velocità nel porre attenzione a quelle vittime, contrapposta a quella che offrite ai Vostri ed ai nostri uomini.

Alla Vostra coscienza rimettiamo la diversa valutazione economica della vita.

(Un appartenente alle Forze dell’ Ordine vi COSTA ben 150 milioni delle vecchie lire, erogate in tre volte a e distanza di circa 23 anni dall’ evento!)

Non capiamo e ci rifiutiamo di capirlo perché si sia pensato che persone che, poverette, sono incappate in un tragico destino che anche noi ha commosso e fatto piangere, siano valutate così diversamente.

I nostri uomini erano in servizio, offrivano sicurezza al cittadino, cercavano di far continuare a sopravvivere libertà, giustizia, democrazia. Legalità. Portavano le stellette, rappresentano lo Stato, lo difendono e difendono, al prezzo della loro vita i politici, i magistrati, i professori, i sindaci ecc… (quanti sono morti nelle scorte?)

Quegli uomini e quelle donne erano su un aereo civile, in un aeroporto non militare, non erano al vostro servizio e non li avevate comandati di prendere quell’ aereo; un errore umano o forse l’ incuria li ha uccisi.

Le loro famiglie potranno anche rivalersi sulle Assicurazioni.

Noi abbiamo solo lo Stato.

Ma quale Stato ?

Tra quanto sarà dato anche ai terroristi morti un risarcimento e la medaglia d’ oro ?

                                                    I 132 ASSASSINATI DAI TERRORISTI DELLE FORZE DELL’ORDINE

vittime terrorismo

Dettagli sull'autore

Franco Mariani

Franco Mariani, fiorentino, classe 1964, giornalista, ha iniziato a scrivere per i giornali all'età di 14 anni. Ha collaborato e collabora con numerose testate nazionali, regionali, locali, sia della carta stampata, che della televisione, radio, internet. Dagli anni Novanta collabora stabilmente con l'Associazione Memoria, di cui è Addetto Stampa e Portavoce della Presidente Mariella Magi Dionisi. Nell'ambito del giornalismo ha ricoperto numerosi incarichi istituzionali, sia a livello nazionale che regionale. E' autore di numerosi libri, pubblicati con vari editori, tra cui Giunti, a carattere storico sulla città di Firenze, soprattutto legati all'Alluvione del 1966, sul papato e la chiesa cattolica, e sullo Zecchino d'Oro. Con l'avvento di Mariani l'associazione, il 1 agosto 2003, è sbarcata su internet con un sito web, creato e curato, ancora oggi, dallo stesso Mariani, prima sul server del Comune di Firenze, con tanto di presentazione ufficiale in Palazzo Vecchio con l'On. Valdo Spini, già Ministro e Sottosegretario all'Interno, e poi, dall'agosto 2014, con questo nuovo indirizzo www.asssociazionememoria.it