«

I giardini di lungarno Aldo Moro a Firenze intitolati alle vittime della scorta perite in via Fani

Martedì 3 luglio a Firenze i giardini che costeggiano il lungarno Aldo Moro sono stati intitolati alle vittime della sua scorta, formata da 2 Carabinieri e 3 agenti della Polizia, morti nell’agguato teso dalle Brigate Rosse in via Fani a Roma il 16 marzo 1978.

Alla cerimonia erano presenti, insieme ai familiari delle vittime, il sindaco Dario Nardella, l’assessore alla Toponomastica Andrea Vannucci, l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re, il questore di Firenze Alberto Intini, il Comandante Provinciale del Carabinieri Col. De Lisio, il presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi e lo scrittore Filippo Boni, autore del libro ‘Gli eroi di via Fani’.

“Da oggi e per sempre dedichiamo un pezzo di Firenze alle vittime di via Fani – ha detto il sindaco Nardella –, agenti della scorta che hanno dato la propria vita per difendere Aldo Moro ma soprattutto per servire lo Stato. Non vogliamo dimenticarli perché rappresentano un esempio per tutti gli uomini che ogni giorno rischiano la vita per difendere il proprio Paese. Abbiamo scelto un luogo molto vicino al lungarno Aldo Moro, un uomo che ha segnato la storia d’Italia e che in occasione del 40esimo anniversario della morte abbiamo voluto onorare lanciando la proposta dell’educazione civica obbligatoria nelle scuole, iniziativa che fu proprio di Aldo Moro ministro dell’Istruzione”.

“Con la scelta di questo luogo, adiacente al lungarno Aldo Moro, vogliamo ricordare anche fisicamente la vicinanza tra lo statista e gli uomini della sua scorta – ha detto l’assessore Vannucci – Un modo per dire grazie, anche attraverso la toponomastica, a questi servitori dello Stato che per mestiere rischiano la vita per garantire la sicurezza delle massima cariche del nostro Paese e quindi tutto il Paese. Questi uomini rimangono nei cuori di tutti i cittadini innamorati dalla Costituzione e della propria comunità”.

La decisione di intitolare i giardini agli uomini della scorta di Moro era stata annunciata nell’aprile scorso dall’assessore Del Re durante la presentazione a Firenze del libro di Filippo Boni ‘Gli eroi di via Fani’.

“Un gesto di memoria bello e importante per dar voce alle vittime di quella strage, per troppo tempo dimenticate e passate in secondo piano”, aveva detto l’assessore.

Si chiamerà dunque ‘Giardino Vittime di via Fani – 16 marzo 1978’ l’area verde tra il fiume Arno e i lungarni Giancarlo Bigazzi, Aldo Moro e Cristoforo Colombo.

Nell’occasione il Questore di Firenze ha annunciato che a breve sarà inaugurata una nuova caserma della Polizia di Stato a Firenze e che sarà intitolata all’Agente Fausto Dionisi, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 20 gennaio 1978 durante un agguato in via delle Casine a Firenze per liberare dei loro compagni al carcere cittadino de Le Murate.

Riprese video di Franco Mariani
per il settimanale La Terrazza di Michelangelo © 2018

Dettagli sull'autore

Franco Mariani

Franco Mariani, fiorentino, classe 1964, giornalista, ha iniziato a scrivere per i giornali all'età di 14 anni. Ha collaborato e collabora con numerose testate nazionali, regionali, locali, sia della carta stampata, che della televisione, radio, internet. Dagli anni Novanta collabora stabilmente con l'Associazione Memoria, di cui è Addetto Stampa e Portavoce della Presidente Mariella Magi Dionisi. Nell'ambito del giornalismo ha ricoperto numerosi incarichi istituzionali, sia a livello nazionale che regionale. E' autore di numerosi libri, pubblicati con vari editori, tra cui Giunti, a carattere storico sulla città di Firenze, soprattutto legati all'Alluvione del 1966, sul papato e la chiesa cattolica, e sullo Zecchino d'Oro. Con l'avvento di Mariani l'associazione, il 1 agosto 2003, è sbarcata su internet con un sito web, creato e curato, ancora oggi, dallo stesso Mariani, prima sul server del Comune di Firenze, con tanto di presentazione ufficiale in Palazzo Vecchio con l'On. Valdo Spini, già Ministro e Sottosegretario all'Interno, e poi, dall'agosto 2014, con questo nuovo indirizzo www.asssociazionememoria.it